Login

Nome utente

Inserisci una password

Ho dimenticato la password


Desidero iscrivermi a lanostraStoria.ch

Rappresento una istituzione

Il mutamento dei traffici di frontiera

Descrizione

Nel trasporto delle merci si è passati dall'epoca d'oro della saturazione delle capacità d'assorbimento della ferrovia, protrattasi fino ai primi anni settanta, ad un relativo declino della linea del San Gottardo, accompagnata dalla progressiva svalutazione del Ticino a corridoio di transito. Un mutamento dovuto in parte alla razionalizzazione dei trasporti ferroviari, che ha ridotto l'intervento degli spedizionieri, in parte all'accresciuta concorrenzialità della strada. Il completamento della rete autostradale attraverso le Alpi ha trasformato l'asse del San Gottardo in una camionale europea. Il Ticino ha perso progressivamente il suo inserimento tradizionale in questi traffici che hanno in grandissima parte origine e destinazione fuori del Cantone, avendo perso importanza le attività di spedizione, l'immagazzinamento e le operazioni doganali.

Alcune località, come Chiasso, che grazie alla ferrovia e alle dogane si erano sviluppate puntando sul trasporto di merci e i commerci di frontiera, hanno dovuto affrontare negli ultimi anni una profonda riconversione, allo scopo di inserirsi nelle nuove realtà transfrontaliere.


Indicizzazione delle sequenze:

 

2'18''-6'35'' Chiasso e i trasporti: dalla ferrovia all'autostrada

6'36''-12'07'' La necessità di soluzioni transfrontaliere


Questo servizio di Bruno Bergomi andò in onda il 3 aprile 1992 nella trasmissione "Il Quotidiano".

Commenti

Aggiungi un commento