Login

Nome utente

Inserisci una password

Ho dimenticato la password


Desidero iscrivermi a lanostraStoria.ch

Rappresento una istituzione

Storia del Ticino. Antichità e Medioevo

Descrizione

Il nostro è un territorio a ridosso della catena alpina, nel quale i contatti, gli incontri e le opposizioni tra il meridione e il settentrione si sono rincorsi per millenni, rimodellando continuamente le condizioni materiali, le forme organizzative e gli orizzonti mentali delle donne e degli uomini che gli hanno dato vita.

Alla fine del 2015, venne presentato Storia del Ticino. Antichità e Medioevo; curato da Giuseppe Chiesi Paolo Ostinelli. Si trattava del terzo volume di una fondamentale Storia del Ticino, di cui Raffaello Ceschi curò i primi due: Storia della Svizzera italiana. Dal Cinquecento al Settecento, e Storia del Canton Ticino. L'Ottocento e il Novecento.

Pubblichiamo questo documento delle Teche RSI appreso della morte di Giuseppe Chiesi. Chiesi era nato a Bellinzona nel 1950 e si era laureato nel 1982 a Berna con una tesi sulle finanze comunali e sul ceto dirigente di Bellinzona nel Quattrocento. Dal 1975 aveva preso parte alla redazione dei volumi di «Helvetia Sacra», riordinando l’archivio patriziale di Arbedo e contribuendo al riordino di alcuni fondi archivistici ticinesi. Dal 1978 al 1987 aveva collaborato alla pubblicazione dei documenti medievali dei distretti di Riviera, Blenio e Leventina per il Centro di ricerca per la storia e l’onomastica ticinese dell’Università di Zurigo, nella collana «Materiali e Documenti Ticinesi».

Dal 1987 al 1995 era stato attivo in qualità di archivista-paleografo presso l’Archivio di Stato del Cantone Ticino. A partire dal 1993 aveva poi curato la pubblicazione dei volumi del «Ticino ducale». E dal marzo del 1995 sino al dicembre 2013 era stato a capo dell’Ufficio dei beni culturali.

Questo servizio di Patrizia Pedevilla andò in onda il 27 dicembre 2015 nella trasmissione «Il Quotidiano». Gli intervistati sono Paolo Ostinelli e Giuseppe Chiesi.

Commenti

Aggiungi un commento