Login

Nome utente

Inserisci una password

Ho dimenticato la password


Desidero iscrivermi a lanostraStoria.ch

Rappresento una istituzione

Ritratto delle valli Mesolcina e Calanca nel 1972

Descrizione

All’inizio del 1972, l’allora TSI mandò in onda tre documentari dedicati al Grigioni italiano realizzati da Rinaldo Giambonini. Recuperati grazie a Memoriav, tutt’e tre i filmati sono stati visti due sole volte in televisione, sicché la pubblicazione nelle pagine del portale di storia partecipativa «lanostraStoria.ch» permetterà loro una nuova e più vasta diffusione.

Il primo documentario, andato in onda il 10 maggio 1972, è un ritratto delle valli Mesolcina e Calanca. È senz’altro utile un elenco delle località via via inquadrate dalla camera: San Vittore, Roveredo, Mesocco, Santa Maria, Buseno, Arvigo, Augio e San Bernardino.

Descrivendo questa prima puntata, il settimanale «Radiotivù» il 6 maggio 1972 scriveva: «La prima puntata sarà dedicata alla Mesolcina e, in buona parte, alla Calanca. La Mesolcina è già più familiare delle altre, rappresenta una tappa abbastanza ricorrente nel programma di riprese televisive e sulla strada della gente che vi transita. Non è la prima volta, nemmeno, che gli operatori vanno in Val Calanca. Ciò nonostante è sempre considerata un po’ isolata, per non dire abbandonata. La si vedrà, nel documentario di Giambonini, anche dall’alto. Con i suoi tesori d’arte (nell’interno della chiesa di Santa Maria), con la sua strada disagevole, i suoi abitanti (quelli di Braggio alla Messa festiva, quelli giovani di Augio, quelli anziani di Santa Domenica), il suo lavoro, la sua unica industria, quella del granito a Arvigo. Qui la cinepresa si è soffermata per un paio di minuti, come per sottolineare quanto sia preziosa un’attività di questo genere in valle. Nel ritorno sulla Mesolcina, si ricorderà anche la Ferrovia Bellinzona - Mesocco, che sta per scomparire.»


Ritratto della Val Bregaglia nel 1972

Ritratto di Poschiavo e di Bivio nel 1972


Commenti

Aggiungi un commento